Vaccini obbligatori per gli asili? Epidemie? Assolutamente FALSO

    Vacciniinforma ringrazia il dr. Tancredi Ascani per aver permesso la divulgazione nel web delle sue interessanti considerazioni.
    Dalla pagina del Dr. Tancredi Ascani ecco a voi quanto segue.

    tancredi-ascani

    In merito a questa follia di rendere obbligatorie le vaccinazioni negli asili, pena l’esclusione dagli stessi, perché si è scesi sotto il 95% di copertura vaccinale, al di sotto della quale tornerebbero chissà quali epidemie, vorrei fare due considerazioni:

    1) in italia siamo già MOLTO al di sotto di tale copertura perché se consideriamo:

    • i soggetti che non rispondono alle vaccinazioni (i cosiddetti no-responders, un 10-20% dei vaccinati),
    • i medici che falsificano i certificati e dichiarano falsamente di aver fatto la vaccinazione ai propri figli/assistiti (secondo un’inchiesta giornalistica importante sarebbero un 20%),
    • gli adulti/anziani che con il tempo perdono l’immunità data dai vaccini (che spesso dura solo alcuni anni) e che non continuano a fare i richiami a vita (la maggior parte dei cittadini).

    Non credo di sbagliare troppo affermando che, ad esser ottimisti, saremo ad una copertura “reale” dalle malattie per cui si vaccina del 50%, altroché 95.

    2) in Svizzera pare che la copertura “dichiarata” dei soggetti vaccinati sia addirittura del 40% e in alcuni Paesi europei è comunque molto più bassa della nostra.

    Tutto questo e, come era prevedibile, nessuna terribile epidemia si è mai vista anzi, in alcuni Paesi come l’Austria, nel caso del morbillo, si è avuta un’incidenza della malattia nettamente inferiore a Paesi come la Germania che ha una copertura vaccinale molto superiore:

    http://www.ilfattoquotidiano.it/…/il-morbillo-e-in…/1744212/

    Ora, secondo voi, alla luce dei fatti, è più logico estendere l’obbligo vaccinale a tutti esponendo a rischi legati alle vaccinazioni tanti bambini sani o forse è il caso di abolire definitivamente quest’obbligo visto che è palese che certe spaventose epidemie non sono più un pericolo in Paesi come il nostro?

    La libertà di cura è uno dei principi basilari di ogni Paese democratico che si rispetti“.

     

    Per rivedere l’inchiesta di Report, “Il virus dell’obbligo”:
    http://www.report.rai.it/…/ContentItem-640d41f6-a3a7-41db-8…

    Ricordiamo anche i  FATTI, non le TEORIE.

    Diminuiscono le persone vaccinate e…crolla il morbillo.

    Dallo stesso sito EPICENTRO,il rapporto presenta i dati nazionali della Sorveglianza Integrata del Morbillo e della Rosolia, raccolti dal Reparto di Epidemiologia delle Malattie Infettive (Cnesps) con il contributo del Reparto di Malattie Virali e Vaccini Attenuati (Mipi) dell’Istituto Superiore di Sanità.

    Diminuiscono le persone vaccinate e…crolla il morbillo.

    A giugno 2014 segnalati 1259 casi di morbillo
    Bollettino (1)RM_News_2014_06

    A giugno 2016 segnalati 367 casi di morbillo
    Bollettino (2)RM_News_2016_28 (1)

    Ulteriore prova della fallacia dell’immunità di gregge e di come entrino in gioco altri fattori nel controllo delle malattie infettive.

    Sono segnalati 3 casi di encefalite.

    Molto strano che i media non ne abbiano fatto notizia per spingere alla vaccinazione. Presumo perché i casi riguardano soggetti sopra i 40 anni, fascia d’età questa con il maggior numero di casi insieme a quella sopra i 15 anni fino ai 39. Se qualcuno ha notizie più precise in merito ben venga.

    30/6/2016 – Morbillo & Rosolia News: il rapporto di giugno 2016
    Nel mese di maggio 2016, sono stati segnalati 71 casi di morbillo, portando a 367 i casi (possibili, probabili o confermati) segnalati dall’inizio dell’anno. Il 94% dei 367 casi del 2016 è stato segnalato in sette Regioni (Lombardia, Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Sicilia, Piemonte e Calabria). Per quanto riguarda la rosolia, nel mese di maggio 2016, non sono stati segnati casi, lasciando a 8 il totale dall’inizio dell’anno

    http://www.epicentro.iss.it/…/bollettino/RM_News_2016_28.pdf

    Prima di parlare di crollo di dati e di epidemie,occorrerebbe informarsi.