Muore neonata in ambulanza: non c’era posto in ben tre ospedali

    Muore neonata in ambulanza: Non c’era posto in ben tre ospedali.

    Una neonata è morta in ambulanza mentre veniva trasferita a Ragusa. L’indignazione del Capo di Stato.


    ambulanza118

    Una neonata è morta in ambulanza mentre veniva trasferita a Ragusa. La piccola aveva avuto gravi crisi respiratorie dopo la nascita in una clinica privata di Catania e doveva essere trasferita d’urgenza in ambulanza nel reparto di rianimazione pediatrica dell’ospedale di Ragusa perchè a Catania non c’erano posti disponibili. E’ morta prima del ricovero.


     

    Secondo una prima ricostruzione della vicenda, come riporta l’Ansa, la neonata sarebbe entrata in crisi respiratoria dopo il parto, avvenuto in un clinica privata di Catania. Nella sala sarebbero stati presenti, tra gli altri, il ginecologo di fiducia della donna, un anestesista, un rianimatore e un neonatologo.

    I medici si sarebbero accorti subito della gravità del quadro clinico della piccola e avrebbero contattato le Unità di trattamento intensivo neonatale (Utin) di Catania per trasferire d’urgenza la piccola paziente. Ma erano tutte ‘piene’, senza disponibilità di posti. Sarebbe stato così contattato il 118 che avrebbe trovato una Utin disponibile nell’ospedale ‘Paternò-Arezzo’ di Ragusa.

    La clinica avrebbe quindi provveduto, con un’ambulanza privata, al trasporto della neonata a Ragusa, con al seguito i medici specialisti della struttura privata. La piccola paziente avrebbe avuto una violenta crisi. Di lì a poco il decesso.

    Sull’episodio la Procura di Ragusa ha aperto un’inchiesta per accertare eventuali responsabilità mediche e sulla disponibilità di strutture cliniche non adeguate a Catania o nelle province più vicine. Indaga la polizia di Stato. Lo riporta l’Ansa.


    ALLEGATI E FONTE

    Neonata morta, il padre: “Non c’erano cannule”. Procura: ci sono indagati

    L’ospedale respinge ogni illazione: “Usati sondini e cannule. Da autopsia emergerà che il decesso è estraneo a attività medici”