Il Consenso Informato

    .Cosa realmente sappiamo del Consenso Informato?

    .Veniamo realmente messi a conoscenza di tutte le informazioni disponibili sulla nostra salute ?

    Il Medico deve informare sempre il paziente sull’effetto di un farmaco ad esempio,una terapia e tutti gli effetti collaterali.

    Non farlo costituisce REATO.

    consenso informatoù

    Il Professor Marco Ruggiero definisce il CONSENSO INFORMATO :

    “IN ITALIA QUALUNQUE TRATTAMENTO SANITARIO,MEDICO o  INFERMIERISTICO, NECESSITA DEL PREVENTIVO CONSENSO DEL PAZIENTE; E’ QUINDI IL SUO CONSENSO INFORMATO CHE COSTITUISCE IL FONDAMENTO DELLA LICEITA’ DELL’ ATTIVITA’ SANITARIA, IN ASSENZA DEL QUALE, L’ ATTIVITA’  STESSA COSTITUISCE REATO.

    .IL  MALATO PUO’ DECIDERE SE VUOLE ESSERE CURATO PER UNA MALATTIA E HA IL DIRITTO/DOVERE DI CONOSCERE TUTTE LE INFORMAZIONI DISPONIBILI SULLA PROPRIA SALUTE,CHIEDENDO AL MEDICO CIO’ CHE NON E’ CHIARO; 

    INOLTRE DEVE AVERE  LA POSSIBILITA’ DI SCEGLIERE,IN MODO INFORMATO,SE SOTTOPORSI AD UNA DETERMINATA TERAPIA O ESAME DIAGNOSTICO”

    Quante volte spesso noi ci troviamo dinnanzi questa realtà?

    Ebbene si,la negazione del consenso informato da parte del personale sanitario,COSTITUISCE REATO.

    Di seguito riportato,troverete un breve intervento del Prof. Marco Ruggero 

    ruggero-aids-120419174104_medium

    Video

    https://www.youtube.com/watch?v=iGom1DDx8zc

    Articolo 32

    La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti.

    Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

    APPROFONDIMENTI