Farmaci per i comuni bruciori di stomaco ? Attenzione,potrebbero aumentare il rischio di attacchi cardiaci.

    Un nuovo studio condotto da ricercatori della Stanford University dimostra che una categoria di farmaci comunemente usati per combattere il reflusso acido (chiamati inibitori della pompa protonica) possono aumentare il rischio di infarto.

     

    medicine

     

     

    Quella sensazione pungente al petto può essere più di un semplice bruciore di stomaco per coloro che assumono determinate sostanze e farmaci.

    Un nuovo studio condotto da ricercatori della Stanford University dimostra che una categoria di farmaci comunemente usati per combattere il reflusso acido, chiamati inibitori della pompa protonica, può aumentare il rischio  di infarto.

    Inibitori della pompa protonica includono tali marchi ben noti come Prilosec, Nexium, Prevacid e altri.

    “Inibitori della pompa protonica aumentano il rischio di attacco cardiaco nella popolazione generale di circa il 15/20 %,dichiara il Dott John Cooke del Centro  “Houston Methodist Research Institute” .

    Nello studio, sono state esaminate le cartelle cliniche elettroniche anonime di ben 2,9 milioni di pazienti; i ricercatori hanno trovato una chiara associazione tra gli inibitori della pompa protonica (PPI) e gli attacchi di cuore.

    • Le analisi dei pazienti in cui sono stati utilizzati altri tipi di farmaci antiacidi come Zantac, Tagament o Pepcid, non hanno mostrato alcun rischio.

    Perché i farmaci “antiacidi” di uso comune, possono aumentare il rischio di attacchi di cuore?

    “Questo non prova alcuna causa o effetto, tuttavia è un punto molto importante che le persone devono assolutamente comprendere” dichiara questa mattina al CBS,  il Dott Tara Narula, un cardiologo del Lenox Hill Hospital di New York.

    “Questo non significa smettere di prescrivere il farmaco a tutti.”  Esistono altri fattori, oltre i farmaci che possono aver contribuito a tali rischi.

    “Non sappiamo se i pazienti che erano in PPI erano malati. Erano in sovrappeso? Fumano? Assumono alcol o altro?” afferma Narula.

    I PPI  sono efficaci nel ridurre l’acidità dello stomaco ed a loro volta, nella prevenzione della pirosi. Essi possono essere identificati da nomi chimici sull’etichetta che terminano con “-prazole“, come l’omeprazolo e lansoprazolo. Secondo i ricercatori, i PPI sono alcuni dei farmaci più prescritti negli Stati Uniti, con 14 miliardi dollari di vendite annuali.

    Precedenti studi hanno dimostrato che i PPI possono danneggiare il rivestimento  dei vasi sanguigni.

    • Un rapporto PLOS ONE in circolazione nel 2013 ha suggerito come i PPI possano causare malattie cardiovascolari a lungo termine ed aumentare il rischio di attacco cardiaco. Altri effetti collaterali noti degli IPP ​​sono la carenza di vitamina B12 e la suscettibilità alle dell’anca, del polso o fratture vertebrali.

    Si stima che circa il 20 % degli americani soffra di reflusso acido, o reflusso gastroesofageo, e che tale,sia spesso indicato come bruciore di stomaco, secondo il National Institutes of Health.

    I sintomi possono includere senso di oppressione al petto, sensazione di bruciore alla gola, tosse, raucedine e difficoltà di deglutizione.

    Peter Leehy, un paziente che assume  PPI per i suoi sintomi, ha descritto: “la situazione è progressivamente peggiorata al punto che un giorno ho sentito una forte oppressione al petto che pian piano saliva fino al collo”.

    I ricercatori hanno notato che lo studio – che è stato finanziato dal National Institutes of Health e dall’American Heart Association, in collaborazione con la Stanford University – non prova assolutamente correlazione tra gli attacchi di cuore e l’uso di droghe; tuttavia questo sconsiderato ed ampio uso di PPI,desta preoccupazione, poiché troppe sono le prescrizioni.

    Per alcuni pazienti può essere possibile ridurre i sintomi del reflusso senza farmaci,con diversi accorgimenti quali,una sana alimentazione, perdita di peso,la  riduzione  dell’alcol, del fumo ,di alimenti altamente acidi e spuntini a tarda notte. Dormire con la testa sollevata e indossare vestiti comodi  può anche aiutare.

     

     

    ARTICOLI CORRELATI

    • http://www.cbsnews.com/news/common-heartburn-drugs-may-increase-heart-attack-risk/

     

    • ABUSO DI FARMACI ?

    http://www.cbsnews.com/news/are-acid-reflux-drugs-overused/