EMILIA ROMAGNA E VACCINI, CODACONS PRONTO A DENUNCIARE ASILI PER ABUSO DI ATTI D’UFFICIO E VIOLENZA PRIVATA

    Vacciniinforma ultim’ora

    divulga il seguente comunicato Codacons

    Passa la legge censura nonostante l’esistenza del DPR 355/99

    martedì, 22 novembre 2016

    VACCINI: OBBLIGATORI PER I NIDI, IN E-R APPROVATA LEGGE

    log_codacons1-1

    CODACONS: LEGGE E’ INCOSTITUZIONALE, PRONTI A DENUNCIARE ASILI PER ABUSO DI ATTI D’UFFICIO E VIOLENZA PRIVATA

    IN COMMERCIO NON ESISTONO I 4 VACCINI OBBLIGATORI MA SOLO ESAVALENTE

     

    Una legge incostituzionale che se verrà messa in pratica porterà ad una raffica di denunce contro gli asili nido. Lo afferma il Codacons, commentando la legge approvata oggi dall’Assemblea legislativa dell’Emilia Romagna, che impone la vaccinazione dei bambini per poter frequentare gli asili nido della regione.
    La norma introduce come requisito la somministrazione dei vaccini obbligatori previsti dalla normativa vigente, e quindi quello antipolio, antidifterica, l’antitetanica e l’antiepatite B – spiega il Codacons – Peccato che in Italia non esista il vaccino tetravalente, e chi vuole vaccinare i propri figli sia costretto a far iniettare loro l’esavalente, che contiene anche pertosse ed infezioni da Haemophilus influenzale di tipo b.
    La legge regionale, quindi, non è applicabile, perché gli asili che adotteranno la norma rischiano di essere denunciati per abuso di atti d’ufficio e violenza privata, non potendo i genitori somministrare ai figli i soli 4 vaccini obbligatori previsti, costringendoli così a ricorrere all’esavalente.
    Il Codacons ribadisce l’importanza della vaccinazione, ma solo quando i vaccini sono singoli e testati, e invita tutte le famiglie dell’Emilia Romagna a segnalare forzature da parte degli asili della regione e anche eventuali problematiche insorte a seguito della somministrazione dell’esavalente, sul sito www.codacons.it

     

    Fonte

    Pre-home